RAMI COMPRESSORI

Normative


Impianti ad aria compressa: Normative

Obblighi di legge


Gli attuali obblighi di legge per la messa in servizio e utilizzazione delle attrezzature a pressione a carico dell'Utilizzatore ed in particolare del datore di lavoro sono:

  • MANUTENZIONE E SICUREZZA : DLGS 81/08 E SUCCESSIVE MODIFICHE DLGS 106/09 - OBBLIGO DI MANUTENZIONE E CONTROLLI
  • RECIPIENTI A PRESSIONE: DM 329/04 ATTUATIVO DEL DLG 93/2000 CHE RECEPISCE LA 97/23/CE PED - MESSA IN SERVIZIO E SUCCESSIVE VERIFICHE NUOVA DIRETTIVA EUROPEA 2014/68/UE (PED)
  • ESSICCATORI: DM 147/2006 - OBBLIGO LIBRETTO IMPIANTO ESSICCATORI FRIGORIFERI - INQUINAMENTO DA GAS FREON ; DPR 43/2012 - OBBLIGO DI REGISTRAZIONE APPARECCHIATURE CONTENTI GAS FREON
  • SCARICO DELLE CONDENSE DEI COMPRESSORI - DIVIETO DI SCARICO DIRETTO IN FOGNA DL 3 APRILE 2006 N* 152
  • QUALITA' DELL'ARIA - NORMA ISO 8573-1

DLGS 81/08


Per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori enunciate nell'art 15 Tit 1 dell'Dlgs 81/08, è obbligatoria la regolare manutenzione delle attrezzature e degli impianti ad aria compressa.

Ecco cosa si deve fare:

  1. VERIFICA INIZIALE, MANUTENZIONE PROGRAMMATA CONFORME AI MANUALI D'USO
  2. CONTROLLO DELLA CORRETTA INSTALLAZIONE
  3. CONTROLLO DOPO OGNI MONTAGGIO.

In particolare è necessario verificare:

  1. CHE SIA EFFETTUATA UNA PERIODICA E REGOLARE MANUTENZIONE
  2. CHE VI SIA UNA APPROPRIATA MANUTENZIONE PER GARANTIRE SEMPRE I REQUISISTI DI SICUREZZA
  3. VI SIA LA PRESENZA DI SOGGETTI PREPOSTI AL CONTROLLO
  4. DOCUMENTARE I RISULTATI DI CONTROLLI E MANUTENZIONI

NOTA: Nel caso in cui non siano rispettate le normative vigenti per gli impianti le sanzioni sono di carattere penale.


DM 329/04


I recipienti IN PRESSIONE serbatoi e recipienti semplici, sono soggetti al decreto DM 329/2004, attuativo del DL 93 del 25.02.2000 che recepisce la CE 97/23 PED che disciplina la progettazione, la costruzione, l'equipaggiamento e l'installazione in sicurezza degli apparecchi in pressione.
La normativa prende in considerazione le tubazioni, le valvole idrauliche e i recipienti soggetti ad una pressione relativa maggiore di 0,5 bar, macchinari esclusi.

Tutte le installazioni degli impianti a pressione assoggettati alla normativa PED devono essere comunicati all'INAIL dall'utilizzatore finale mediante la "dichiarazione di messa in servizio" quando:

  • IMPIANTO NUOVO
  • IMPIANTO MODIFICATO: AD ESEMPIO SE VENGONO AGGIUNTI NUOVI RECIPIENTI O SE QUELLI OBSOLETI VENGONO SOSTITUITI
  • IMPIANTO TRASLOCATO

Elenco documenti:

  • Marca da bollo da € 14,62 sul modulo di denuncia.
  • Elenco delle attrezzature e/o insiemi a pressione installati sull’impianto, con fotocopia delle Dichiarazioni di Conformità delle attrezzature certificate CE e indicazione, per ciascuna delle attrezzature a pressione non rientranti tra le esclusioni previste all’art. 5 del D.M. 1 dicembre 2004 n. 329, del valore della pressione PS (bar), della temperatura TS (°C), della capacità V (litri), del fluido d’esercizio e del numero di fabbrica. Nel caso l’apparecchio a pressione sia un immatricolato ISPESL, è sufficiente inviare solo la fotocopia della prima pagina del libretto matricolare.
  • Dichiarazione Sostitutiva dell’Atto di Notorietà, redatta ai sensi dell’art. 47 del DPR 28/12/2000 n. 445, attestante che “l’installazione (specificare i dati dell’apparecchio: costruttore, numero di fabbrica) è stata eseguita in conformità a quanto indicato nel Manuale d’uso e manutenzione”, compilata come da modello allegato e corredata di fotocopia non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.
  • Relazione Tecnica, firmata e timbrata in originale e redatta ai sensi dell’art. 6 del D.M. 1 dicembre 2004 n. 329 dall'Utente o da un tecnico competente delegato dall'Utente stesso (che comunque la deve controfirmare in qualità di datore di lavoro), con lo schema dell’impianto (timbrato e firmato in originale) recante le condizioni di installazione e di esercizio, le misure di sicurezza, protezione e controllo adottate.

La relazione tecnica deve essere redatta da una persona competente: il fornitore dell'impianto è tenuto a rilasciare la certificazione CE, i libretti dei serbatoi, i certificati di collaudo valvole, i disegni, il manuale uso e manutenzione con istruzioni per il montaggio dell'impianto.

Le pratiche devono essere firmate dall'utilizzatore dell'impianto e rimane sua la responsabilità civile e penale dell'impianto.

Se hai bisogno di un aiuto non esitare a contattarci!

Impianti ad aria compressa: Normative

Obblighi di legge


Gli attuali obblighi di legge per la messa in servizio e utilizzazione delle attrezzature a pressione a carico dell'Utilizzatore ed in particolare del datore di lavoro sono:

  • MANUTENZIONE E SICUREZZA : DLGS 81/08 E SUCCESSIVE MODIFICHE DLGS 106/09 - OBBLIGO DI MANUTENZIONE E CONTROLLI
  • RECIPIENTI A PRESSIONE: DM 329/04 ATTUATIVO DEL DLG 93/2000 CHE RECEPISCE LA 97/23/CE PED - MESSA IN SERVIZIO E SUCCESSIVE VERIFICHE NUOVA DIRETTIVA EUROPEA 2014/68/UE (PED)
  • ESSICCATORI: DM 147/2006 - OBBLIGO LIBRETTO IMPIANTO ESSICCATORI FRIGORIFERI - INQUINAMENTO DA GAS FREON ; DPR 43/2012 - OBBLIGO DI REGISTRAZIONE APPARECCHIATURE CONTENTI GAS FREON
  • SCARICO DELLE CONDENSE DEI COMPRESSORI - DIVIETO DI SCARICO DIRETTO IN FOGNA DL 3 APRILE 2006 N* 152
  • QUALITA' DELL'ARIA - NORMA ISO 8573-1

DLGS 81/08


Per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori enunciate nell'art 15 Tit 1 dell'Dlgs 81/08, è obbligatoria la regolare manutenzione delle attrezzature e degli impianti ad aria compressa.

Ecco cosa si deve fare:

  1. VERIFICA INIZIALE, MANUTENZIONE PROGRAMMATA CONFORME AI MANUALI D'USO
  2. CONTROLLO DELLA CORRETTA INSTALLAZIONE
  3. CONTROLLO DOPO OGNI MONTAGGIO.

In particolare è necessario verificare:

  1. CHE SIA EFFETTUATA UNA PERIODICA E REGOLARE MANUTENZIONE
  2. CHE VI SIA UNA APPROPRIATA MANUTENZIONE PER GARANTIRE SEMPRE I REQUISISTI DI SICUREZZA
  3. VI SIA LA PRESENZA DI SOGGETTI PREPOSTI AL CONTROLLO
  4. DOCUMENTARE I RISULTATI DI CONTROLLI E MANUTENZIONI

NOTA: Nel caso in cui non siano rispettate le normative vigenti per gli impianti le sanzioni sono di carattere penale.


DM 329/04


I recipienti IN PRESSIONE serbatoi e recipienti semplici, sono soggetti al decreto DM 329/2004, attuativo del DL 93 del 25.02.2000 che recepisce la CE 97/23 PED che disciplina la progettazione, la costruzione, l'equipaggiamento e l'installazione in sicurezza degli apparecchi in pressione.
La normativa prende in considerazione le tubazioni, le valvole idrauliche e i recipienti soggetti ad una pressione relativa maggiore di 0,5 bar, macchinari esclusi.

Tutte le installazioni degli impianti a pressione assoggettati alla normativa PED devono essere comunicati all'INAIL dall'utilizzatore finale mediante la "dichiarazione di messa in servizio" quando:

  • IMPIANTO NUOVO
  • IMPIANTO MODIFICATO: AD ESEMPIO SE VENGONO AGGIUNTI NUOVI RECIPIENTI O SE QUELLI OBSOLETI VENGONO SOSTITUITI
  • IMPIANTO TRASLOCATO

Elenco documenti:

  • Marca da bollo da € 14,62 sul modulo di denuncia.
  • Elenco delle attrezzature e/o insiemi a pressione installati sull’impianto, con fotocopia delle Dichiarazioni di Conformità delle attrezzature certificate CE e indicazione, per ciascuna delle attrezzature a pressione non rientranti tra le esclusioni previste all’art. 5 del D.M. 1 dicembre 2004 n. 329, del valore della pressione PS (bar), della temperatura TS (°C), della capacità V (litri), del fluido d’esercizio e del numero di fabbrica. Nel caso l’apparecchio a pressione sia un immatricolato ISPESL, è sufficiente inviare solo la fotocopia della prima pagina del libretto matricolare.
  • Dichiarazione Sostitutiva dell’Atto di Notorietà, redatta ai sensi dell’art. 47 del DPR 28/12/2000 n. 445, attestante che “l’installazione (specificare i dati dell’apparecchio: costruttore, numero di fabbrica) è stata eseguita in conformità a quanto indicato nel Manuale d’uso e manutenzione”, compilata come da modello allegato e corredata di fotocopia non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.
  • Relazione Tecnica, firmata e timbrata in originale e redatta ai sensi dell’art. 6 del D.M. 1 dicembre 2004 n. 329 dall'Utente o da un tecnico competente delegato dall'Utente stesso (che comunque la deve controfirmare in qualità di datore di lavoro), con lo schema dell’impianto (timbrato e firmato in originale) recante le condizioni di installazione e di esercizio, le misure di sicurezza, protezione e controllo adottate.

La relazione tecnica deve essere redatta da una persona competente: il fornitore dell'impianto è tenuto a rilasciare la certificazione CE, i libretti dei serbatoi, i certificati di collaudo valvole, i disegni, il manuale uso e manutenzione con istruzioni per il montaggio dell'impianto.

Le pratiche devono essere firmate dall'utilizzatore dell'impianto e rimane sua la responsabilità civile e penale dell'impianto.

Se hai bisogno di un aiuto non esitare a contattarci!